La ‘nduja calabrese batte i salumi di Croazia, Spagna e Polonia: è il più buono del mondo

Il prodotto simbolo della Calabria tra i più apprezzati su scala globale secondo il portale Taste Atlas che incorona la cucina italiana.

La miglior cucina al mondo? È quella italiana. È quanto emerge dalla classifica stilata da Taste atlas, portale in lingua inglese,  guida web sul cibo tra le più consultate e seguite. L’Italia spicca davanti a Grecia, Spagna, Giappone, India. Il nostro Paese ha ottenuto un punteggio di 4,72 su un massimo di 5. I voti non riguardano solo le ricette ma anche prodotti e bevande simbolo. E tra le eccellenze spicca la ‘nduja. Il prodotto calabrese conquista il primo posto tra i migliori salumi su scala globale. Secondo classificato, “slavonki kulen” della Croazia, salsiccia secca. Al terzo, lo spagnolo “chosco de tineo”, prodotto di salumeria crudo, affumicato ed essiccato. Al quarto, kabanosy staropolskie (Polonia), salamini lunghi e sottili.

La ‘nduja di Spilinga

Sul prodotto simbolo, identificativo e anche il più tipico della Calabria, il portale scrive: «Questa prelibatezza italiana di Spilinga, in Calabria, è un salame di maiale stagionato e speziato con peperoncino che ha una consistenza simile a quella di un paté. Di solito è legato con lo spago in una sezione dell’intestino di suino». Quindi i consigli per apprezzarne al meglio le qualità: «Esistono numerosi modi per gustare la ‘nduja: spalmata su carni e pesci grigliati, arrostiti o scottati, oppure aggiunta a sughi per la pasta e piatti a base di uova. Il modo più diffuso per consumare la ‘nduja, però, è spalmarla su pane grigliato o abbrustolito e gustarla con ricotta fresca o burrata».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.